Casi | RESOCONTO

119. Acufeni refrattari alle cure

PERSONA: uomo.
DESCRIZIONE: acufeni persistenti; "ho provato di tutto, e attualmente sto facendo l'agopuntura e la terapia del suono con un dispositivo elettronico che mi ha programmato il medico, e che emette suoni bianchi per addestrare l'udito a trascurare gli acufeni, ma sto bene solo un giorno su tre".
APPROCCIO: training auto-ipnotico per la calma, e per il controllo e lo spegnimento delle percezioni uditive inutili.
RISULTATO: addestramento alla disattivazione invincibile delle palpebre; seconda seduta: "durante una notte gli acufeni si sono spenti, e mi sono sorpreso moltissimo; ora sto bene due giorni su tre"; addestramento a capitalizzare i risultati ottenuti; terza seduta: "ho di nuovo gli acufeni due giorni su tre, esattamente come prima.. pero' una cosa molto strana e' che non mi ricordo assolutamente nulla dell'ultima seduta"; approfondimento della trance; strana scoperta durante la trance ("che strano.. in questo momento sto benissimo.. non sento acufeni.. ma so che ci sono.. sento che sono li' dietro"); mio commento per lui sconvolgente: "questo dimostra che in presenza di acufeni puoi stare bene o male, per cui la presenza degli acufeni e' irrilevante ai fini del benessere"; quarta seduta: "questo esercizio di spegnere le palpebre mi intriga molto.. non so come, ma influisce sugli acufeni, perche' me ne dimentico"; mio commento: "vedi una ferita al braccio, e da quel momento senti male, ma la ferita e' li' da chissa' quanto tempo, e prima non la sentivi.. ma poi la vedi, e il processo del dolore diventa irreversibile, e la ferita continua a fare male.. e' ovvio che il dolore non dipende dalla ferita"; induzione di trance profonda e addestramento amnesico, con sviluppo inatteso della capacita' di evocare gli acufeni e di annullarli; quinta seduta: "ho battuto il record.. per la prima volta sono stato tre giorni consecutivi senza fastidio!"; addestramento per lo sviluppo di autoipnosi profonde a casa sua, con la capacita' di generare amnesie specifiche; sesta seduta: miglioramenti parziali ma stabili, "finalmente gli acufeni sono molto meno assillanti persino al mattino"; rapido ingresso in trance tramite il mio semplice commento seguente: "tu adesso senti i piedi nelle scarpe, ma per quanto tempo riuscirai a farlo?"; notevole aumento della competenza auto-ipnotica; settima seduta: "mi e' capitato di avere di nuovo gli acufeni per un giorno intero.. credevo che non dovesse piu' accadere.. sono molto sconfortato e deluso"; mio commento: "il tuo giudizio dipende dalla finestra temporale usata per il giudizio, per cui e' irreale. Uno fa gli esami del sangue, e trova un valore 15, che invece dovrebbe essere tra 1 e 10, e quindi e' triste; allora guarda anche le analisi precedenti, ma questo cambia la finestra temporale, e nota che il valore ha questo andamento: 50-35-20-15, e quindi e' felice, perche' il valore sta diventando sempre piu' normale"; suo riconoscimento del fatto che gli acufeni sono secondari al benessere.
AGGIORNAMENTO (3 anni): miglioramento stabile della situazione iniziale (che era un ciclo di tre giorni, due con il fischio e uno senza), con riduzione ipnotica a un fischio "basso basso, un solo giorno su tre.. l'inconscio funziona davvero.. non faccio piu' agopuntura.. le cose sono cambiate e stanno cambiando.. quando sento il fischio accendo la radio, oppure metto un rumore bianco, e non ho piu' bisogno di usare l'auricolare!".

Copyright © Alberto Torelli. Tutti i diritti riservati. RIPRODUZIONE VIETATA.

Casi | RESOCONTO [su]