Casi | RESOCONTO

110. Troppo impegnativo

PERSONA: donna.
DESCRIZIONE: insonnia da 35 anni; benzodiazepine e triciclici insoddisfacenti (4-5 ore di sonno spezzettato); carattere molto ansioso, pressione alta per colpa dei farmaci (rischio di glaucoma); intossicata da X (un farmaco oggi considerato molto pericoloso); crollo dopo la morte del padre; svogliatezza; ipnosi presso "psicologa incapace di ipnotizzare e ciarlatana dell'ipnosi"; pretesa di un 'miracolo' ipnotico.
APPROCCIO: induzioni nascoste, per rispettare la sua ipervigilanza e un preoccupante aumento di aggressivita' contro di me (ipnotista); comparsa di estese amnesie (ricordo nebuloso della procedura), distorsione temporale, e dissociazioni, con forti abreazioni fisiche da lei negate nonostante l'evidenza dei fatti.
RISULTATO: dimostrazione ipnotica della presenza di materiale traumatico rimosso (ovviamente non riconosciuto ne' dai medici ne' dagli psicologi).
AGGIORNAMENTO (3 mesi): miglioramento generale, ma indisponibilita' della persona a continuare il lavoro, considerato troppo impegnativo.

Copyright © Alberto Torelli. Tutti i diritti riservati. RIPRODUZIONE VIETATA.

Casi | RESOCONTO [su]